Frutta e Verdura di Gennaio: depurarsi dopo le feste!

Le feste natalizie sono finite…ora rimettiamoci in riga!

Consapevoli di avere mangiato di più ed in modo sregolato durante il periodo delle festività, passiamo ora a depurare il nostro organismo con la frutta e verdura di Gennaio.

Depurare il nostro organismo dopo le festività natalizie
Depurare il nostro organismo dopo le festività natalizie

Le luci colorate degli addobbi natalizi ormai sono spente, ma proviamo a riportare gli stessi colori nei nostri piatti. Non scegliete il digiuno per togliere i chili di troppo; il digiuno non fa dimagrire!

Protagonisti di questo mese sono ancora gli agrumi, dal sapore fresco e dolce, dagli innumerevoli benefici per la nostra salute e dai molteplici usi in cucina.

Non dimenticate la frutta secca da portare in tavola proprio come durante le cene ed i pranzi di queste ultime festività.

Essa è l’unica abitudine da prolungare anche in questo mese e negli altri che proseguono.

La frutta secca permette di integrare oli essenziali, grassi buoni (come l’omega 3), vitamine e tante fibre: mandorle, noci e nocciole, anacardi, pistacchi non salati. Questo gruppo è detto frutta secca oleosa.

Frutta secca, nutriente e ricca di proteine.
Frutta secca, nutriente e ricca di proteine.

La frutta che viene essiccata con appositi strumenti o al sole eliminando tutta l’acqua è detta frutta non oleosa: datteri, prugne, albicocche, fichi e uva passa.

Hai un Centro Estetico?
Clicca qui e scopri il metodo di dimagrimento Plants&Nature
Facile, Naturale e Veloce!

Sono i frutti secchi più comuni che solitamente vengono consumati durante la stagione invernale, per godere così anche nei mesi più freddi dei benefici per la salute, propri della frutta estiva.

Per la prevenzione alla salute bastano 30 grammi di frutta secca oleosa al giorno.

 

Come e quando mangiarla?

Iniziamo dalla colazione: porridge.

Porridge a colazione
Porridge a colazione

Uno dei pilastri della colazione all’inglese, nutriente, completo e con la un cereale fantastico, l’avena. Rispetto alla ricetta tradizionale del porridge, lo arricchiamo di frutta secca, fresca ed un po’ di cannella.

Ingredienti per 1 persona:

  • 1 tazza da caffè di fiocchi di avena
  • 2 tazze di latte parzialmente scremato/latte vegetale/acqua
  • 1 mela/banana
  • 20 g di nocciole/noci/mandorle
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 20 g di mirtilli disidratati

Procedimento:

Versate il latte ed i fiocchi d’avena in un pentolino e fate sobbollire per 6/8 minuti o comunque fino a che non avrete ottenuto un composto cremoso e denso. Spegnete il fuoco, aggiungete la cannella e lasciate raffreddare.

Nel frattempo, tagliate la mela a dadini e spadellatela con i mirtilli disidratati in una pentolino; aggiungete qualche cucchiaio di acqua fino a che non sarà morbida. Versate nella ciotola contenente il porridge ed aggiungete le nocciole.

 

RIMEDI NATURALI CONTRO I MALANNI DI STAGIONE 

Gennaio è anche il mese degli agrumi che ci vengono in aiuto con la vitamina C ed i bioflavonoidi per rafforzare il sistema immunitario e proteggerci dai malanni stagionali.

Per assimilare al meglio i principi attivi degli agrumi, cercate di consumarli con tutta la buccia (ovviamente agrumi da agricoltura biologica, altrimenti rischiamo di mangiare anche un po’ di pesticidi).

In pentola, nonostante le basse temperature, sono tanti gli ortaggi che possiamo cucinare: si va dai cavoli alle cime di rapa, dalla patate alla zucca!

Un bulbo che fa da padrone in questo mese, appartenente alla “famiglia cipolla”, ma dal sapore dolce e sofisticato, il Porro può essere consumato crudo o cotto ed è l’ideale per insaporire ed arricchire zuppe o stufati ma anche per accompagnare contorni e formaggi.

Verdura di stagione: arrivano i porri!
Verdura di stagione: arrivano i porri!

Fonte di Vitamina C, ferro e fibre, il porro ha inoltre proprietà diuretiche, lassative ed antisettiche; proprio per questo, è un ottimo rimedio per curare anemie, infezioni urinarie e mantenere basso il colesterolo.

Povero di grassi è ideale per questo mese in cui abbiamo bisogno di depurarci e perdere qualche chilo.

Fa da padrone la varietà del cavolo cappuccino, il Cavolo Verza che ha le foglie increspate dal colore verde all’esterno e più gialle internamente. Dal gusto forte e dalla consistenza croccante ha più o meno  gli stessi valori nutrizionali del broccolo; infatti, contiene molta vitamina E, A, C, oltre che fosforo, calcio, potassio zolfo e acido folico (utilissimo durante la gravidanza).

Grazie alla presenza degli indoli (composti che aiutano il corpo a generare un certo numero di enzimi benefici), il cavolo verza è un buon rimedio per prevenire tumori soprattutto all’apparato digerente; fa parte degli alimenti anti-tumorali, anti-cancerogeni.

Per le sue proprietà antinfiammatorie e depurative il succo di questa verdura, può curare non solo inestetismi della pelle, ma anche problemi più gravi quali artrosi, cistiti. Ovviamente è meglio se mangiato cotto (al vapore) e bevuto crudo centrifugato.

Dalla pelle color crema o viola e dalla consistenza croccante, la Rapa ha un sapore dolce ma leggermente piccante.

Anche se disponibile tutto l’anno, in realtà è consigliabile consumare questo ortaggio soprattutto durante il periodo invernale, in cui è facile trovare rape più saporite e gustose, nonché tenere e fresche.

Le rape, appartenendo alla famiglia delle Crucifere o Brassicacee (di cui fanno parte anche altri ortaggi come il cavolfiore, i cavolini di Bruxelles, la verza, i broccoli, la senape, la rucola, il ravanello, il rafano, ecc.).

Sano contributo alla dieta quotidiana, la rapa è ricca di Vitamina C, fosforo, fibre, vitamina B6, calcio, manganese, potassio e indoli. In particolare, per quanto riguarda la vitamina C pare che ne contengano molto più che le arance.

La parte edibile è la radice che, crescendo sottoterra, assorbe direttamente lo iodio e l’azoto del terreno e quindi pur conservando le indicazioni terapeutico-nutrizionali delle altre componenti della famiglia, è controindicata in soggetti con problemi cardiaci e/o renali a causa del grande carico elettrolitico.

Sono ricche di clorofilla che aiuta la produzione di emoglobina contrastando l’anemia; mucillagini e fibre utili a livello intestinale nelle infiammazioni; fitonutrienti particolari come i composti fenolici denominati tiocianati cui sono state attribuite proprietà antitumorali (cancro al seno, polmoni e stomaco).

Per cui, durante questo pieno mese invernale, arricchite i vostri piatti di tanta frutta colorata stagionale.

RICORDATE CHE…

Potrebbe essere sufficiente assumere per almeno due settimane delle tisane depurative che aiutano il l’organismo a liberarsi delle scorie in eccesso.

Le tisane aiutano a depurare l'organismo dopo le feste
Le tisane aiutano a depurare l’organismo dopo le feste

La cosa più importante da fare, sicuramente, è bere molta acqua per favorire il drenaggiocombattere la ritenzione idrica.

Leave A Reply

Navigate