Quanti sono gli stadi della cellulite? Scopriamolo insieme!

La bella stagione è arrivata e..sulle vostre gambe c’è ancora la cellulite?

Occorre subito correre ai ripari e godersi una bella giornata di mare senza l’ansia da “prova costume”.

Prima però facciamo un po’ di chiarezza sui due inestetismi tanto odiati da tutte le donne, molto legati tra loro ma differenti: cellulite e ritenzione idrica.

L'origine della cellulite
L’origine della cellulite

Molto di frequente, questi termini vengono erroneamente usati come sinonimi, ma indicano due condizioni diverse. Per combatterle, ovviamente, vanno conosciute e riconosciute.

Hai un Centro Estetico? Scopri il metodo di dimagrimento Plants&Nature: Facile, Naturale e Veloce!CLICCA QUI PER RICHIEDERE INFORMAZIONI

La ritenzione idrica è dettata da una raccolta eccessiva di liquidi tra le cellule, che non si distribuiscono bene e che si accumulano tra i tessuti.

La cellulite invece, al contrario di quanto spesso si crede, non è un accumulo di grasso ma è la conseguenza di processi infiammatori che riguardano i vasi sanguigni, il tessuto adiposo e quello interstiziale. Infatti, può tranquillamente colpire anche le donne più snelle.

Pelle a buccia d'arancia
Pelle a buccia d’arancia

La cellulite ha tra le sue più classiche manifestazioni la cosiddetta pelle a buccia d’arancia; le zone colpite (generalmente fianchi, glutei, cosce, ma anche braccia e polpacci) risultano poco elastiche, hanno una sensibilità ridotta ed al tatto risultano granulose e fredde.

Dal punto di vista della “gravità”,

la cellulite si può suddividere in quattro stadi

In particolare:

  1. Edematosa: è contraddistinto dalla stasi venosa e dal ristagno di liquidi interstiziali. Solo comprimendo la pelle o irrigidendo il muscolo si notano i primi segni tipici della “buccia d’arancia”. Colpisce prevalentemente la parte bassa delle gambe, i piedi e le caviglie dando origine alle cosiddette “gambe a colonna”.
  2. Nel secondo stadio, caratterizzato dal primo danno a livello cellulare, si sviluppa una fibrosi reattiva con formazione di piccoli noduli. È lo stadio fibroso, in cui è già più evidente il caratteristico aspetto “a buccia d’arancia” della cute nelle zone colpite. Anche la cellulite fibrosa è “domabile”, basta un po’ di costanza.
  3. Il terzo stadio è associato alla presenza di noduli dolenti al tatto, costituiti da adipociti già ingrossati che vengono “ingabbiati” dalle fibre di collagene indurite (processo fibrosclerotico), che provocano una riduzione dello scambio tra le cellule e impediscono il fisiologico processo di ossigenazione dei tessuti. La cellulite che raggiunge questo stadio viene definita sclerotica flaccida ed è ancora curabile.
  4. Nel quarto stadio, ormai irreversibile, l’aspetto a materasso della cute è particolarmente accentuato a causa della formazione di noduli più voluminosi ed evidenti e dalla trazione effettuata delle fibre di collagene irrigidite che comprimono le terminazioni nervose, creando infossamenti nella cute e intaccando il sottocutaneo.

Acquista i prodotti della linea Ixya corpo, con acqua termale e spirulina, indicati per il trattamento degli inestetismi cutanei della cellulite.

Crema corpo Dren per la cellulite
Crema corpo Dren per la cellulite
Crema corpo tonifocante
Crema corpo tonifocante
Crema corpo snellente
Crema corpo snellente

Scopri la gamma competa di prodotti P&N direttamente sul nostro sito: www.latisaneria.it.

Leave A Reply

Navigate